Home / Curiosità / DANZA E CINEMA
BroadwayMelodyPoster2

DANZA E CINEMA

In tanti si saranno domandati come mai molti attori del passato sapessero cantare e ballare oltre che recitare. Scoprendo le loro biografie è facile apprendere come lo studio della danza classica fosse alla base di un personale percorso che li avrebbe completati come artisti.

Il cinema pullula di nomi di famosi ballerini/attori che sono diventati miti anche grazie alle loro performance nei film musicali. Molti di loro nascono come danzatori, altri sono attori che scelgono di approfondire lo studio di una loro grande passione come la danza.

Gene Kelly, Fred Astaire, Ginger Rogers, Debby Reynolds, Brigitte Bardot, Audrey Hepburn, Marilyn Monroe, Gregory Hines, Michail Baryshnikov, sono solo alcuni degli esempi di ciò che vogliamo raccontare in questa parte del Blog.

Passo quindi la parola ad un appassionato di cinema, nonché ballerino professionista, che con i suoi articoli esplorerà il legame tra Danza e Cinema.

By Mary Garret

IMG_3689

 

 

 

 

 

 

 

 

La danza nei film

Di Valerio Lunadei   

Il cinema è una realtà che ci coinvolge tutti i giorni, fa parte della nostra vita quotidiana più di quanto non ce ne accorgiamo, rende divertenti le nostre serate con gli amici o magari ci tiene compagnia durante i pomeriggi piovosi e malinconici.

Tra gli anni ’30 e gli anni ’50, periodo considerato l’ “età d’oro del Musical”, la musica e la danza hanno iniziato ad avere sempre più importanza nei film. Oggi possiamo senza dubbio affermare che è la danza la vera protagonista di molte pellicole.

Nei primi film musical degli anni ’30 le scene cantate e ballate erano messe in evidenza trasformando una semplice passeggiata in una sequenza di danza, oppure tramutando una cena romantica in un delizioso passo a due.

Ricordiamo Amami stanotte” (regia di Rouben Mamoulian – 1932) ambientato a Parigi, nel quale il regista rappresenta il risveglio mattutino come un crescendo sinfonico dei suoni quotidiani: il protagonista canta la sua canzone in cui si cimenteranno di volta in volta anche gli altri personaggi.

Il primo musical interamente sonoro, e anche il primo a vincere il premio Oscar come Miglior Film, è Broadway Melody (regia di Harry Beaumont – 1929). E’ un film che racconta di varie storielle d’amore nel “dietro le quinte” dei teatri di Broadway. Le coreografie vengono spesso riprese a camera fissa, quasi come a rappresentare una soggettiva degli spettatori seduti in platea che riescono a vedere l’intero palcoscenico. Questa tecnica supporta l’avvento del sonoro, in cui l’immagine passa in secondo piano rispetto ai film muti e il cinema stesso diventa meno cinematografico.

Molte scene coreografate ci mostrano i ballerini in fila orizzontale con le braccia unite tra loro, ed è inevitabile l’associazione ad un famoso film che sarà girato decenni più avanti: “Chorus Line” (regia di Richard Attenborough – 1985).

Ci capiterà spesso di imbatterci in similitudini cinematografiche tra le varie pellicole ed è proprio per questo che ripercorreremo insieme le differenze tra i film di ieri e di oggi, sottolineando le priorità che i cineasti del ventesimo secolo hanno voluto condividere con noi spettatori e analizzando le varie tematiche sociali emerse nei film che trattano il balletto.

BroadwayMelodyPoster                                                     BroadwayMelodyPoster2

 

 

 

 

 





>

Per ringraziarti della visita c'è un regalo per te. La più potente meditazione di Daniele Penna per ottenere un totale rilassamento e raggiungere i tuoi obiettivi. Addormentati ascoltandola! Clicca sull'immagine che trovi qui sopra, registrati, segui le istruzioni e scarica la meditazione e tutti gli altri contenuti in regalo che abbiamo preparato per te. Ti aspettiamo!

Check Also

coppa

Concorsi, Saggi e altri “Business”

Qualche tempo fa ho affrontato l’argomento Concorsi e Saggi nel mondo della Danza. Pur avendone …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *