Home / Psiche / La paura del giudizio
325159_264899220201326_3358517_o

La paura del giudizio

 

Anche i ballerini sono esseri fragili. Quando si sceglie di imparare l’arte della danza lo si fa per semplice passione e con l’ aspettativa dei sogni più grandi.

Poi un giorno capita di scontrarsi con la realtà e quel sogno rischia di frantumarsi in mille pezzi.

A chi non è capitato di lavorare al massimo delle proprie possibilità e sentirsi criticato, anche negativamente, da insegnanti, colleghi o genitori?

Alcuni Studi Scientifici analizzano proprio questo aspetto. Ne abbiamo tradotto una sintesi per voi:

“Le paure dei ballerini scaturite dagli effetti della critica sul proprio corpo”(17.04.2014) 

Quasi i tre quarti dei ballerini hanno ricevuto commenti critici sul proprio corpo – in primo luogo da un insegnante di danza – questo suggerisce una certa preoccupazione per l’impatto negativo che i commenti degli istruttori possono avere sull’autostima degli artisti.

Ad un campione di 74 ballerini , principalmente studenti presso sei accademie di danza nel Regno Unito, è stato chiesto di dire se qualcuno avesse espresso dei commenti critici sul loro corpo, sulla necessità di perdere peso, seguire una dieta oppure aumentare la quantità di cibo per aumentare il proprio peso.

Secondo il sondaggio presentato alla Conferenza sull’ estetica dei ballerini e degli atleti nel Regno Unito, la scorsa settimana, è risultato che il 73 % ha dichiarato di aver ricevuto dei commenti riguardo al proprio corpo, ed il 63 % ha affermato di aver ricevuto questi commenti dal proprio insegnante di danza.
I risultati sui quali si è discusso alla Conferenza sono stati curati dai Ricercatori dell’Università di Loughborough e sono riportati in uno Studio intitolato <I commenti critici sulla forma ed il peso: associazioni sulle psicopatologie del cibo tra gli studenti di danza a tempo pieno>.

Più del 60 % degli intervistati ha affermato che questi commenti hanno avuto effetto su di loro, e tra questi il 20 % ha dichiarato che hanno avuto un forte impatto.

Lo studio afferma che l’80 % ricorda usando l’espressione “Come se fosse successo ieri”.

Circa il 6% dei ballerini ha affermato che i commenti non fossero diretti al proprio corpo, forma, dieta o necessità di diminuire peso, mentre l’8 % ha sostenuto di non essere mai stato indotto ad alcun tentativo di cambiare peso.

Il Prof. Jon Arcelus, uno degli autori della ricerca ha detto che “Chiaramente i ballerini sono un gruppo vulnerabile per lo sviluppo di disordini alimentari.
Le Compagnie e le Scuole di Danza dovrebbero avere dei piani d’azione chiari che riconoscano i soggetti a rischio ed eventualmente saper intervenire con coloro che hanno dei disordini alimentari.”

I risultati giunti successivamente da un’altra Ricerca hanno dimostrato che la prevalenza dei disordini alimentari presente tra i ballerini risulta essere il 12%, si sta alzando al 16 % tra i ballerini di danza classica, con un 4% che risulta essere affetto da bulimia. 

Fonte: https://www.thestage.co.uk/news/2014/fears-raised-effects-body-criticism-dancers/

In Italia il corso di Danza Accademica G.A.C di Area Dance Milano, diretto da Michele Villanova, già Primo Ballerino del Teatro alla Scala, fa seguire i propri allievi dall’Associazione Onlus Nutrimente, per contribuire alla Ricerca Scientifica ed aiutare i giovani danzatori nel loro percorso di formazione. Clicca qui Danza Con Amore (parte 1) http://www.danzaclassica.org/danza-dca-corpo-nutrimente-seminario-areadance/

By Mary Garret (Ph. Daniela Rende)

Traduzione della Fonte a cura di Vincenzo Drogo





>

Per ringraziarti della visita c'è un regalo per te. La più potente meditazione di Daniele Penna per ottenere un totale rilassamento e raggiungere i tuoi obiettivi. Addormentati ascoltandola! Clicca sull'immagine che trovi qui sopra, registrati, segui le istruzioni e scarica la meditazione e tutti gli altri contenuti in regalo che abbiamo preparato per te. Ti aspettiamo!

Check Also

10960414_825748134146412_7751415940508023660_o

Infortuni e Alimentazione (parte 1)

La nutrizione non ottimale è stata associata da numerose ricerche agli infortuni. In particolare alla …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *