Home / Corpo / Il peso delle parole nella DANZA
18442698-scale-ballet-shoes

Il peso delle parole nella DANZA

Il legame tra la danza e l’immagine corporea è oggetto di numerosi studi scientifici presenti nella letteratura medica mondiale.

Alcuni di questi studi dimostrano come negli ambienti dove si impara l’arte della danza, sia pratica comune quella di utilizzare un linguaggio inadeguato in riferimento all’immagine corporea dei danzatori. *Leggi  Danza Con Amore (parte 2) e Danza Con Amore (parte 1)

Gli esperti hanno più volte ipotizzato che siano proprio i metodi di insegnamento sbagliati ad aumentare il rischio di ammalarsi di DCA (Disturbi del Comportamento Alimentare) per chi studia danza e dal 2011 esistono protocolli europei che forniscono linee guida a tutte le scuole e compagnie di danza.

Giudizi sulla forma fisica, battutine sarcastiche, indicazioni errate di stili alimentari, parole sbagliate che si riferiscano al corpo, generano un continuo senso di inadeguatezza che spesso porta i danzatori a vedersi attraverso gli occhi dell’insegnante, del coreografo, del genitore o di chi in quel momento rappresenta un punto di riferimento per la realizzazione di un sogno. 

E’ difficile pensare che tutti i danzatori siano corazzati al punto tale da non farsi in alcun modo schiacciare dal “peso” delle parole sbagliate. E nessuno al mondo è in grado di prevedere quanto dolore e danno possa provocare una singola parola sbagliata.

Ancora più grave è sapere che le numerose testimonianze che arrivano dal mondo della danza e dal mondo medico, non siano state in grado di migliorare definitivamente le cose.

Assistiamo ancora a episodi di “offese” nei confronti di danzatrici e danzatori che vengono etichettati come in “sovrappeso-grassi-molli…” e ai quali viene tranquillamente indicato il numero di chilogrammi da perdere per avere un’ipotetica forma fisica ideale, da parte di insegnanti che ignorano i danni che possono provocare.

Questo accade nelle scuole di danza più o meno conosciute, nelle palestre e persino nei programmi TV. Comportamenti simili, a volte prolungati nel tempo, rappresentano una vera e propria violenza psicologica.

E’ necessario che il mondo della danza crei una cultura del benessere vietando categoricamente, anche attraverso leggi severe, comportamenti nefasti per la salute psico-fisica di un danzatore.

In America, per esempio, è possibile denunciare chi rivolge un commento negativo sul corpo di un danzatore. E se fosse così anche in  Italia?

Torneremo sull’argomento con altre segnalazioni dal mondo scientifico, nel frattempo sarà interessante ascoltare i due Video allegati.

By Mary Garret

 

 





>

Per ringraziarti della visita c'è un regalo per te. La più potente meditazione di Daniele Penna per ottenere un totale rilassamento e raggiungere i tuoi obiettivi. Addormentati ascoltandola! Clicca sull'immagine che trovi qui sopra, registrati, segui le istruzioni e scarica la meditazione e tutti gli altri contenuti in regalo che abbiamo preparato per te. Ti aspettiamo!

Check Also

325159_264899220201326_3358517_o

La paura del giudizio

  Anche i ballerini sono esseri fragili. Quando si sceglie di imparare l’arte della danza lo …

One comment

  1. I’m amazed, I have to admit. Rarely do I come across a blog that’s both educative and amusing,
    and without a doubt, you have hit the nail on the head.
    The problem is something that not enough men and women are speaking intelligently
    about. I’m very happy that I stumbled across
    this in my hunt for something concerning this.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *