Home / Corpo / Il Make Up dei Danzatori
262542_206536862734212_100001337003699_568646_7224566_n

Il Make Up dei Danzatori

I danzatori sanno che ogni loro performance è preceduta dal momento del “Trucco e Parrucco“.

All’inizio del diciottesimo secolo, quando il balletto non aveva ancora raggiunto la sua grande popolarità, il trucco era quasi assente. Intorno al 1820 iniziò a prevalere l’utilizzo della polvere, o tintura bianca, per dare al viso e al corpo un aspetto a tratti etereo ed evanescente, in sintonia con i ruoli drammatici proposti dal repertorio del balletto classico.

Dalla metà del diciannovesimo secolo anche il trucco di scena ha subìto dei cambiamenti: era opinione comune pensare che lo spettatore più distante dovesse poter vedere l’espressione del volto di un danzatore (donna o uomo), e per questo i tratti del viso e degli occhi iniziarono ad essere truccati in modo sempre più marcato.

In alcuni casi i danzatori professionisti imparavano a truccarsi seguendo le istruzioni dei truccatori di scena oppure partecipando a veri e propri corsi proposti dalle accademie, ma la maggior parte delle volte si imparava la manualità del trucco sperimentando da soli le proprie capacità.

Quando il balletto richiede la rappresentazione di un personaggio dalla particolari caratteristiche, soltanto i truccatori professionisti possono occuparsi di un trucco elaborato.

Al giorno d’oggi le cose sembrano aver avuto un’ inversione di marcia: il corpo è diventato oggetto di culto e l’espressione del volto, caratterizzata da un trucco pesante, sembra non avere più molta importanza per i ballerini e per chi li ammira.

Si è tornati alle origini, quando il trucco non era particolarmente marcato ma più vicino all’effetto naturale.

Si utilizzano, infatti, prodotti base come:

-fondotinta e polvere compatta del colore della propria pelle

-matite per gli occhi e/o Eyeliner

-fard (blush) e ombretti con colorazioni semplici e naturali

-mascara waterproof  o  ciglia finte

-matite per le labbra e rossetti dai toni non particolarmente accesi

-polveri illuminanti o tinture schiarenti per gli atti bianchi dei balletti del repertorio classico.

Resta invece invariato l’utilizzo di un “trucco e parrucco” più marcati quando si portano in scena personaggi caratteristici per i quali è necessario cambiare totalmente le proprie sembianze.

Tutte queste operazioni richiedono molto tempo, particolari attenzioni e prodotti specifici, di cui torneremo a parlare.

By Mary Garret  (Ph. Daniela Rende)

 

Immagini di Rudolf Nureyev e Margot Fonteyn: Fonte Web

a8e9b24cdc92fcfa10c1a4e79123f8d6rudolf_nureyev_makeup_david_steen

 

 

 





>

Per ringraziarti della visita c'è un regalo per te. La più potente meditazione di Daniele Penna per ottenere un totale rilassamento e raggiungere i tuoi obiettivi. Addormentati ascoltandola! Clicca sull'immagine che trovi qui sopra, registrati, segui le istruzioni e scarica la meditazione e tutti gli altri contenuti in regalo che abbiamo preparato per te. Ti aspettiamo!

Check Also

image2

Scarpette Rosse – Danza e Cinema

Abbiamo visto come nei primi musical degli anni ’30 fosse la musica ad essere messa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *